sabato 15 dicembre 2018
  |  Login
Come aggiungere il cognome materno * Art. 98 del D.P.R. n. 396 03/11/2000
CC BY-SA

Cc-by new white.svg Cc-sa.svg
Tutti contenuti di questo sito sono forniti con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia
quindi possono essere liberamente copiati e ripubblicati citando la fonte

http://vathek-ebook.blogspot.it/2014/02/scarica-gratis-lebook.html

Stampa  
Contribuisci con 5 €!

Puoi fare una donazione per questo sito acquistando in edicola o tabaccheria una ricarica telefonica wind da 5€ e inviando i 16 numeri della ricarica dal modulo per inviare richieste e comunicazioni che trovi in questa pagina

Il tuo contributo sarà registrato in questa pagina dove si possono vedere tutte le donazioni effettuate.

Articolo 98 del D.P.R. n. 396/2000 ATTENZIONE: il capoverso 2. non è più in vigore

TITOLO XI - Delle procedure giudiziali di rettificazione relative agli atti dello stato civile e delle correzioni

1. L'ufficiale dello stato civile, d'ufficio o su istanza di chiunque ne abbia interesse, corregge gli errori materiali di scrittura in cui egli sia incorso nella redazione degli atti mediante annotazione dandone contestualmente avviso al prefetto, al procuratore della Repubblica del luogo dove è stato registrato l'atto nonché agli interessati.
2. L'ufficiale dello stato civile provvede con le stesse modalità di cui al comma 1 nel caso in cui riceva, per la registrazione, un atto di nascita relativo a cittadino italiano nato all'estero da genitori legittimamente uniti in matrimonio ovvero relativo a cittadino italiano riconosciuto come figlio naturale ai sensi dell'articolo 262, primo comma, del codice civile, al quale sia stato imposto un cognome diverso da quello ad esso spettante per la legge italiana. Quest'ultimo cognome deve essere indicato nell'annotazione.
3. Avverso la correzione, il procuratore della Repubblica o chiunque ne abbia interesse può proporre, entro trenta giorni dal ricevimento dell'avviso, opposizione mediante ricorso al tribunale che decide in camera di consiglio con decreto motivato che ha efficacia immediata.

Stampa