Non avrà il cognome della madre

Questo sito ha lo scopo di promuovere una nuova normativa in tema di trasmissione del cognome ai figli che consenta ai genitori di scegliere liberamente se trasmettere il cognome paterno piuttosto che quello materno, o il doppio cognome. Questo è quanto proponiamo alle donne e agli uomini che vogliano contribuire al superamento del patriarcato.

 
sabato 25 ottobre 2014
Registrazione  |  Login
Come aggiungere il cognome materno * Circolare Ministero Interno n. 8247 del 12/06/2008
CC BY-SA

Cc-by new white.svg Cc-sa.svg
Tutti contenuti di questo sito sono forniti con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia
quindi possono essere liberamente copiati e ripubblicati citando la fonte

http://vathek-ebook.blogspot.it/2014/02/scarica-gratis-lebook.html

Stampa  
Contribuisci con 5 €!

Puoi fare una donazione per questo sito acquistando in edicola o tabaccheria una ricarica telefonica wind da 5€ e inviando i 16 numeri della ricarica dal modulo per inviare richieste e comunicazioni che trovi in questa pagina

Il tuo contributo sarà registrato in questa pagina dove si possono vedere tutte le donazioni effettuate.

Cerchi altre informazioni?
Puoi contattarci per chiedere informazioni, dopo avere letto la pagina delle risposte alle domande più comuni, oppure per inviarci segnalazioni, comunicazioni, commenti di carattere privato.

Stampa  
Circolare 12 giugno 2008 K. 60 prot. n. 0008247

Circolare 12 giugno 2008 K. 60 prot. n. 0008247, Ministero dell'Interno - Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione – Direzione Centrale per i Diritti Civili, la Cittadinanza e le Minoranze

Disposizioni in ordine alle generalità da attribuire con decreto di concessione della cittadinanza italiana

La Corte di Giustizia delle Comunità Europee con sentenza C-148/02, datata 2 ottobre 2003, pronunciata ai sensi degli articoli 12 e 17 del Trattato CE in merito ad un giudizio concernente i criteri di trasmissione ai figli del cognome dei genitori - cittadini di due diversi Stati dell'Unione - ha affermato che un cittadino dell'Unione Europea, titolare di doppia cittadinanza, in quanto appartenente a due Stati, può chiedere che il cognome venga attribuito in conformità alla normativa di uno dei due Stati di cui possiede comunque la cittadinanza.

La controversia, in particolare, riguardava l'attribuzione del cognome ad un cittadino comunitario, figlio di madre belga e padre spagnolo, cui è stato riconosciuto il diritto ad assumere le generalità secondo l'ordinamento spagnolo.

In Spagna, come in Portogallo, le disposizioni del diritto interno - discostandosi da quelle degli altri Stati dell'Unione - prevedono che il cognome dei figli sia composto dal primo cognome del padre, seguito da quello della madre.

Questo Dipartimento, per attuare nella sua interezza il principio generale che emerge dalla suddetta sentenza ritiene opportuno, nella predisposizione dei decreti di concessione della cittadinanza italiana, conformarsi pienamente alla ratio della cennata pronuncia della Corte, considerando quindi presupposta la volontà dell'interessato a mantenere il diritto al cognome acquisito alla nascita.

Si informano pertanto le SS.LL. che i decreti di conferimento della cittadinanza per tutti i cittadini dell'Unione Europea di nazionalità spagnola e portoghese, recheranno - da ora in avanti - senza che l'interessato debba farne richiesta, le generalità attribuite ai predetti al momento della nascita.

Quanto sopra anche in armonia con la circolare emanata dal Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali - Direzione centrale per i Servizi demografici - prot. n. 397 del 16 maggio 2008, avente ad oggetto "comunicazione urgente in tema di applicabilità dell'art. 98 comma 2 del D.P.R. n. 396/2000".

Peraltro, con riferimento ai provvedimenti di concessione recentemente trasmessi, non ancora notificati, l'interessato potrà fare richiesta di rettifica delle generalità contenute nel decreto medesimo, cui provvederanno codeste Prefetture ai sensi della circolare K.60.1 del 20.06.2007.

Laddove la notifica sia già intervenuta, l'Ufficiale di Stato civile incaricato di ricevere il giuramento ai sensi dell'art. 10 della Legge 5 febbraio 1992, n. 91 procederà, su richiesta, nel senso indicato.

Le SS.LL. vorranno comunicare le sopraindicate direttive ai Sigg.ri Sindaci, per gli aspetti di loro competenza.

Si resta in attesa di un cortese cenno di assicurazione e si ringrazia per la consueta collaborazione.


Il Capo Dipartimento
(Mario Morcone)

Stampa